piante

< SERVIZI PER ADULTI

RIGENERAZIONE OSSEA

Si tratta di un intervento di chirurgia orale che precede o è contestuale all’inserimento di un impianto dentale e che si rende necessario quando si verifica nel paziente una perdita di osso nella mascella o nella mandibola dove si andranno ad inserire gli impianti.
Il principio biologico su cui si basa la tecnica di rigenerazione è quello per cui le cellule che circondano l’osso eterologo che viene innestato lo integrano nel tessuto originario grazie all’irrorazione sanguigna.
L’intervento che si esegue in studio consiste nell’applicare una membrana al di sotto della quale si inserisce il materiale di riempimento che andrà a formare un nuovo tessuto osseo.
Il prodotto utilizzato è costituito da osso deantigenato e deproteinizzato, di origine bovina. 
Tale materiale è altamente biocompatibile e non dà alcun rischio di rigetto di infezione legata al materiale utilizzato, in quanto sterile.

 

L’intervento è doloroso?

Certamente no poiché avviene in anestesia locale o se opportuno in sedazione cosciente: tale trattamento farmacologico riduce di molto i rischi di gonfiore e dolore post-operatori.

 

Quali sono i tempi di guarigione?

Sono variabili da soggetto a soggetto: occorre considerarne lo stato di salute generale e la quantità di volume d’osso che è andato perso e conseguentemente reintegrato.
Per ottenere una rigenerazione fisiologica dell’osso occorrono mediamente sei/otto mesi.

 

Dopo l’intervento devo stare a riposo?

Per le prime 24 ore è consigliabile stare a riposo e limitare al minimo l’attività fisica. È sempre opportuno che il paziente venga riaccompagnato a casa una volta ultimato l’intervento e che in ogni caso eviti di guidare perché l’azione dell’anestetico e di eventuali antidolorifici possono rallentare i riflessi. 

 

A cosa fare attenzione dopo l’intervento? 

Considerando che si tratta di un intervento chirurgico è necessario non dimenticare che la gengiva viene incisa e pertanto necessita di un certo periodo di tempo per cicatrizzarsi; soprattutto nei primi giorni sarà necessario fare attenzione al tipo di cibo ingerito e all’igiene orale che dovrà essere molto scrupolosa ma delicata perché saranno presenti i punti di sutura: dal personale di studio verranno date tutte le istruzioni opportune (riportate su un'apposita modulistica) su come pulire la zona di intervento e sull’utilizzo di eventuali antidolorifici.
Molto consigliato è invece evitare alcol, caffè e sigarette per ridurre il sanguinamento post-operatorio e facilitare il processo di guarigione.
Va ricordato che la percentuale di successo negli interventi di rigenerazione ossea è circa del 95% nei soggetti non fumatori, del 75% nei soggetti fumatori.

 

RIGENERAZIONE OSSEA GUIDATA (GBR)

Quando la mandibola o la mascella, a causa di pregresse estrazioni o per motivi di conformazione anatomica sono particolarmente strette o basse, può risultare impossibile l’inserimento degli impianti.
In tutti questi casi dove la cresta mandibolare o mascellare risulta essere atrofica, si possono eseguire degli aumenti di volume in senso orizzontale e/o verticale utilizzando delle speciali membrane in goretex rinforzate in titanio.
Questi ausili fissati all’osso, diventeranno il supporto del biomateriale da innesto che ricostruirà la quota di osso mancante e necessaria per l’inserimento degli impianti.
Tale procedura richiede due interventi chirurgici: il secondo è indispensabile al fine di rimuovere le viti di supporto e la membrana che in questo caso specifico non è riassorbibile.
Gli impianti possono essere inseriti durante il primo intervento oppure in una seconda fase contestualmente alla rimozione delle viti di fissaggio e della membrana in goretex.

RIALZO DEL SENO MASCELLARE

Il seno mascellare è una cavità che si trova nell’osso mascellare sotto agli zigomi, è rivestito da una mucosa ed ha la funzione di umidificare, lubrificare e riscaldare l’aria che inspiriamo.

In quest’area si trovano le radici dei premolari e dei molari superiori.
Il rialzo del seno consiste nell’aumentare la quantità di osso presente nell’area in cui si trovano i molari superiori per potervi inserire degli impianti.
 
Esistono due diverse modalità chirurgiche: 
  • IL MINI RIALZO DELSENO MASCELLARE
Requisito indispensabile per questa metodica è l’esistenza di almeno 7/8 mm di osso basale al di sotto del seno; la tecnica prevede che attraverso l’uso di frese e di particolari scalpelli detti osteotomi, si induca la formazione di un piccolo foro sul pavimento del seno attraverso il quale inserire l’osso.
In questo modo si crea l’alloggio preciso per poter inserire l’impianto che risulterà essere completamente avvolto in parte dall’osso del paziente ed in parte dall’osso innestato
  • IL GRANDE RIALZO DEL SENO MASCELLARE (in un tempo o in due tempi)
Quando tale intervento viene eseguito in un tempo è perché ci sono almeno 5 mm di osso basale e consiste nel creare una finestra ossea laterale nella mascella che dando accesso alla cavità del seno permette di innestare il bio materiale mescolato ad osso del paziente; contestualmente vengono inseriti gli impianti e la finestra prima di intervenire con la sutura, verrà chiusa da una membrana riassorbibile in collagene al fine di garantire il processo di ossificazione dell’innesto.
Quando l’intervento viene eseguito in due tempi è perché ci sono 1 o 2 mm di osso basale e non sarebbe possibile inserire gli impianti il giorno dell'innesto perché risulterebbero privi di stabilità primaria vista l’esiguità dell’osso esistente.
Prima di procedere con l’innesto d’osso pertanto, si chiude la finestra con la membrana in collagene e solo in un secondo momento si inseriscono gli impianti. L’attesa per eseguire questa seconda fase varia dai tre ai sei mesi.
Tutte queste tipologie chirurgiche vengono eseguite grazie all’utilizzo di uno strumento piezo elettrico che permette di avere una mini invasività e di lavorare in maniera a-traumatica oltre al fatto che qualora ci fossero tessuti diversi dall’osso, lo strumento è in grado di riconoscerli e di evitare qualunque tipo di lesione a loro carico.
Strumentazione

A cosa fare attenzione dopo l’intervento? 

Le precauzioni da osservare nel periodo post-operatorio sono le medesime della rigenerazione ossea con qualche precauzione in più: non fumare, evitare ciò che può comportare una forte variazione di pressione nelle vie aeree (soffiarsi il naso con forza o tenendolo tappato per liberare le orecchie, utilizzare l’aereo, fare sforzi eccessivi, andare a camminare in montagna ad alta quota), mangiare cibi morbidi e freddi per qualche giorno, fare attenzione allo spazzolamento e all’igiene orale.

Interessato?

Scrivici subito, ti risponderemo nel minor tempo possibile.

PRIVACY

Dichiaro di avere compiuto sedici anni, e se minore di sedici, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali così come indicato nella Privacy Policy.

COmunicazioni

Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Per l’inoltro della newsletter, le comunicazioni via telefono (sms, WhatsApp, telefonata vocale)

Lo studio

Da 30 anni offriamo ai nostri pazienti una vasta gamma di servizi. 

Implantologia

Scopri le soluzioni implantari più adatte al tuo problema.

La protesi fissa

Scopri le soluzioni protesiche più adatte al tuo problema.

Dicono di noi

Vuoi conoscere l’opinione dei nostri pazienti?

Indirizzo

Via G. Revere, 3 int. 3
30175 Marghera - Venezia

Contatti

 

 

orari

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

9.00-12.30 e 14.00-18.30

9.00-12.30 e 15.00-19.30

9.00-12.30 e 14.00-18.30

9.00-12.30 e 15.00-19.30

8.00-14.00

Interessato?

Scrivici subito, ti risponderemo nel minor tempo possibile.

PRIVACY

Dichiaro di avere compiuto sedici anni, e se minore di sedici, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali così come indicato nella Privacy Policy.

COmunicazioni

Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Per l’inoltro della newsletter, le comunicazioni via telefono (sms, WhatsApp, telefonata vocale)

copyright ©2019 Dr. Paolo Donolato - P.IVA 02454280278 - C.F. DNL PLA 63H22 L736B - Direttore Sanitario dr. Paolo Donolato -  Privacy Policy - Cookies Policy

Piezosurgery