Cerca
  • Dott. Paolo Donolato

Come funziona il processo di sterilizzazione

Aggiornato il: giu 22

La procedura di sterilizzazione e i macchinari utilizzati sono di fondamentale importanza per garantire la sicurezza e la salute del paziente e del personale di studio rispetto ai rischi di contaminazione.

Questa fase importantissima ha come obiettivo l’eliminazione di virus, microbi, batteri e spore sia patogene che non e viene applicata su tutti gli oggetti che entrano in contatto con i pazienti. Vengono utilizzate a tale scopo delle autoclavi di classe B che sono monitorate da dispositivi elettronici al fine si garantirne il perfetto funzionamento ed eseguiti periodicamente dei test di supporto sempre a tale scopo.


L’ambiente della sterilizzazione è suddiviso in tre aree:

  • RACCOLTA

  • DECONTAMINAZIONE E LAVAGGIO;

  • STERILIZZAZIONE, TRACCIABILITÀ E STOCCAGGIO.

Area della raccolta: qui arrivano gli strumenti contaminati su vassoi in acciaio.

Area della decontaminazione: tale processo avviene per quanto riguarda gli strumenti ruvidi (come le frese) all’interno di vasche ad ultrasuoni che contengono particolari liquidi di disinfezione e detersione. Tutti gli strumenti (ruvidi e lisci) vengono posti in un termodisinfettore che attua un ciclo di lavaggio con acqua ad alta temperatura unitamente all’azione di un disinfettante detergente. A questo punto, una volta asciugati, gli strumenti vengono imbustati ed ogni confezione etichettata in modo da renderne tracciabile il percorso.

Area della sterilizzazione: gli strumenti confezionati e dotati dell’etichetta identificativa (con indicata la data ed un numero progressivo), vengono inseriti in autoclavi di classe B per ottenere la completa sterilità e venire successivamente stoccati nelle aree operative.

La sterilizzazione eseguita nelle autoclavi viene registrata su supporto cartaceo e informatico per permettere che tutta la documentazione riguardante il processo sia archiviata e conservata.


Per ogni paziente viene predisposta una cartella di sterilizzazione nella quale sono applicate le etichette di tutti gli strumenti con i quali è entrato in contatto al fine di poter risalire ai singoli passaggi e certificarne la corretta esecuzione. Le autoclavi oltre ad avere un test di auto controllo elettronico vengono verificate quotidianamente dai membri dello staff per assicurane il corretto funzionamento mediante test, alcuni dei quali sono l’Helix Test, il Bowie Dick Test, i catalizzatori, le spore.

6 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

ISTRUZIONI POST CHIRURGICHE

1. CURA DELLA FERITA E IGIENE ORALE nelle prime 24 ore: tenere del ghiaccio sulla guancia in prossimità dell’area dell’intervento, 30 minuti si e 30 minuti no; non fumare; non spazzolare in prossimità

L’ESAME RADIOLOGICO

COS’È E A COSA SERVE È un’indagine che utilizza i Raggi X (radiazioni ionizzanti) per studiare in questo caso, ossa, articolazioni e dentatura. Poiché si tratta di un esame che espone a radiazioni ion

Dicono di noi

Vuoi conoscere l’opinione dei nostri pazienti?

Indirizzo

Via G. Revere, 3 int. 3
30175 Marghera - Venezia

Contatti

 

 

orari

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

9.00-12.30 e 14.00-18.30

9.00-12.30 e 15.00-19.30

9.00-12.30 e 14.00-18.30

9.00-12.30 e 15.00-19.30

8.00-14.00

Interessato?

Scrivici subito, ti risponderemo nel minor tempo possibile.

PRIVACY

Dichiaro di avere compiuto sedici anni, e se minore di sedici, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali così come indicato nella Privacy Policy.

COmunicazioni

Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Per l’inoltro della newsletter, le comunicazioni via telefono (sms, WhatsApp, telefonata vocale)

copyright ©2019 Dr. Paolo Donolato - P.IVA 02454280278 - C.F. DNL PLA 63H22 L736B - Direttore Sanitario dr. Paolo Donolato -  Privacy Policy - Cookies Policy